Come funziona un autolavaggio?

0
483

L’autolavaggio è una macchina in grado di svolgere la pulizia esterna di un’auto, di un furgone o di un camion in maniera del tutto autonoma, vediamo come funziona.

In questo articolo vedremo le funzioni di base che costituiscono un autolavaggio e quali sono le caratteristiche che gli permettono di lavorare e operare in autonomia.

La struttura

Un autolavaggio di base è composto da una struttura portante in acciaio di forte solitamente zincato a caldo, la struttura è tenuta assieme da bulloni e le superfici a contatto con l’acqua sono sigillate. La larghezza di un autolavaggio varia a seconda del modello, così per l’altezza. La struttura dell’autolavaggio è divisa in tre parti:

  1. arco superiore
  2. lato destro
  3. lato sinistro
Spostamento

L’autolavaggio si muove sopra dei binari fissati a terra e può farlo grazie a dei motoriduttori collegati alla ruota motrice. Nella maggioranza degli autolavaggi, se non in tutti, a seconda della fase di lavoro da effettuare si può controllare e modificare elettronicamente la velocità di spostamento grazie a degli inverter.

Binari

I binari sulla quale è appoggiato l’autolavaggio hanno una classica forma a C, sono generalmente costruiti in ferro o acciaio e per legge devono essere trattati con una zincatura a caldo, i binari sono fissati a terra mediante piastre di fissaggio equidistanti tra di loro, le piastre vengono fissate a terra lasciando il dovuto spazio che permetta il deflusso dell’acqua verso il centro della platea di lavaggio. La lunghezza dei binari può variare a seconda dell’autolavaggio installato.

Sensori

Il posizionamento dell’auto avviene mediante dei sensori e fotocellule in grado di rilevare automaticamente il corretto posizionamento dell’auto e guidano il conducente grazie a delle luci o a dei semafori montati sulle porte.

Alimentazione idrica

Gli autolavaggi possono essere configurati per lavorare con acqua pulita, con acqua pulita e riciclata o con acqua osmotizzata. L’acqua viene utilizzata sia per le normali funzioni di diluizione dei prodotti chimici, sia per la fase di risciacquo, dei cerchi o della carrozzeria. L’autolavaggio è solitamente predisposto per lavorare con uno o più livelli di alta pressione, grazie a delle apposite pompe, generalmente situate in un locale tecnico esterno vicino all’impianto.

Erogatori di acqua e detergenti

L’erogazione di acqua è gestita da gruppi di elettrovalvole che permettono il funzionamento in tempi diversi. L’erogazione dei detergenti avviene mediante l’utilizzo di pompe dosatrici pneumatiche con regolazione variabile a seconda del detergente utilizzato.

Le fasi di lavaggio sono tecnicamente chiamate “Archi” e i principali sono tre:

Le spazzole

Il materiale e il numero delle spazzole cambia a seconda del tipo e modello di impianto. Le spazzole presenti nell’autolavaggio si distinguono in:

  1. verticali
  2. orizzontali

Negli impianti moderni le spazzole verticali sono controllate da motoriduttori elettrici che permettono di controllare la velocità di traslazione. Il movimento di traslazione viene trasmesso tramite una puleggia e una cinghia dentata. Le spazzole verticali possono essere gestite elettronicamente, se ne può controllare il movimento, la pressione sulla carrozzeria e l’inclinazione.

Negli impianti moderni la spazzola orizzontale è controllata da motoriduttori elettrici che permettono di controllare la velocità di movimento e di sollevamento. La maggioranza degli autolavaggi viene equipaggiato con spazzole in polietilene.

Asciugatura

Nella maggior parte degli autolavaggi si trovano due tipi di asciugatura, frontale e laterale, l’asciugatura frontale è prodotta da due ventilatori, con giranti di elevata potenza montati su una barra mobile che durante la fase di asciugatura compie un movimento di salita e discesa, il controllo della barra di asciugatura avviene tramite azionamento elettronico.

L’asciugatura è prodotta da due ventilatori (uno per lato), che hanno il compito di asciugare i fianchi dell’auto

I ventilatori sono alloggiati nella parte superiore della struttura. L’aria viene convogliata tramite una canalizzazione in lamiera, questo permette una maggiore velocità dell’aria e una rumorosità contenuta.

Fai da te

L’autolavaggio oltre ad essere gestito dall’operatore può lavorare anche in self-service grazie all’installazione di pulsantiere con sistemi di pagamento integrati, come quelle dei distributori di benzina..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here