Cura l’aspetto estetico del tuo autolavaggio

0
137

Perché dovresti preoccuparti dell’aspetto estetico del tuo impianto di lavaggio?

L’attuale crisi economica che sta attraversando il nostro paese e i cambiamenti climatici degli ultimi anni in Italia, dove è aumentata la piovosità e per di più sono aumentati i fenomeni estremi (trombe d’aria, nubifragi, fulmini, alluvioni,), questi due fattori uniti, non ha certo aiutato il settore dell’autolavaggio.
Se a questi due fattori aggiungiamo:
1) esubero degli impianti nel territorio, quindi concorrenza in aumento
2) scarsa capacità da parte degli operatori di attuare strategie di marketing mirate per il proprio impianto, otteniamo questi dati: un calo delle vendite tra il 20 e il 30% nel 2014/15

Ovviamente non possiamo velocizzare il processo che ci porterà fuori dalla crisi economica, o controllare le condizioni meteo, ma possiamo modificare i processi che portano un’automobilista a decidere se andare a lavare la propria auto, quando andarci e chi scegliere tra i vari operatori del settore.

COSA FARE ALLORA?
Analisi dell’impianto – questa fase prevede un’analisi dell’impianto dal punto di vista dell’automobilista:
ACCOGLIENZA: quando l’automobilista arriva da chi e come viene accolto?
PULIZIA: l’impianto è pulito e in ordine?
INFORMAZIONI: sono presenti ed efficienti indicazioni sui servizi offerti e prezzi?
ATTESA: esiste una zona di attesa per i clienti comoda e riparata dal caldo o dal freddo?
OPERATORI: gli operatori sono professionali, riconoscibili da una divisa pulita ed in ordine?
WEB: l’autolavaggio ha una propria pagina WEB, dove può essere reperito e descrivere i
servizi offerti.
MATERIALE CARTACEO: l’autolavaggio è fornito di materiale illustrativo e pubblicitario?
Brochure, biglietti da visita ecc..
PERCHÉ’ E’ IMPORTANTE L’ANALISI DELL’IMPIANTO?
La pulizia ed un’impianto accogliente invitano gli automobilisti a tornare. Un impianto di autolavaggio sporco o fatiscente ha un effetto assolutamente negativo sul cliente dell’autolavaggio.
Perché non dovrebbe tornare a lavare la propria automobile e rivolgersi ad un vostro concorrente, se siete in grado di offrirgli un ambiente di prima categoria ed un servizio eccellente?
CHE TIPO DI AUTOLAVAGGIO VORREBBE TROVARE IL TUO CLIENTE?
1) Magari un piccolo giardino che potrebbe rendere l’impianto molto più invitante
2) Dei piloni appariscenti che attraggano l’attenzione e diano colore
3) Una buona illuminazione, magari al LED, che da all’automobilista una sensazione di sicurezza ed è tra l’altro un buon deterrente contro ladri e vandali. Un’impianto ben illuminato diventa un buon sistema pubblicitario
4) Un buon numero di bidoni per le immondizie. Se mancano i bidoni sarà più difficile stimolare l’automobilista a non buttare le cose per terra.
5) I dispositivi automatici ed aspirapolveri devono essere in ottimo stato e sempre funzionanti. Chi ha perso una volta denaro a causa della scarsa manutenzione, forse non ci ritenterà mai più.
6) L’automobilista deve riconoscere senza problemi l’ubicazione dell’entrata dell’impianto di autolavaggio. Per questo motivo sarebbe bene installare un sistema di guida per gli automobilisti.
7) Un’impianto di autolavaggio sempre in stato perfetto. Taniche o immondizie sparse in giro disturbano la buona apparenza dell’impianto.
8) Una sala di autolavaggio sempre ben illuminata. Basta già un tempo nebbioso a rendere buio l’impianto. Quando si lava la macchina non vi è nulla di più sconfortevole di dovere entrare in un “buco buio”.
9) Operatori gentili e professionali, riconoscibili da divisa pulita e in ordine. Chiunque odia vedere qualcuno sporco sedere nella propria auto.
10) Una zona di attesa comoda ed accogliente dove attendere la propria auto, e magari una zona dove far giocare i propri bambini.
11) Un’automobilista forse prima di recarsi fisicamente nell’impianto vuole informarsi via Web, sul tipo di autolavaggio in cui dovrà portare la sua auto e quali tipo di servizi potrà scegliere e quanto gli costeranno.

(leggi anche “Intervista all’automobilista“)

COME SI PUÒ’ AUMENTARE LA PROPRIA CLIENTELA?
Non si può e non si deve più ragionare come 20 anni fa, dove bastare alzare la saracinesca della propria attività e attendere che i clienti entrassero di loro spontanea volontà e questo vale per tutti i settori merceologici.
Oggi occorre raggiungere i clienti fisicamente, andarli a trovare e descrivergli la propria attività, i servizi e ciò che potremo offrirgli. Sarà proprio questa azione commerciale che darà il valore aggiunto all’autolavaggio.
Importante è anche la fase di pubblicità indiretta, ma che andrà fatta in maniera mirata e costante, ma soprattutto geolocalizzata.
Fuori dal proprio impianto e dalle sue reali competenze, l’autolavaggio da solo non può fare tanto, non può fisicamente raggiungere i potenziali clienti per promuovere i propri servizi e non può nemmeno dedicarsi pienamente alla creazione di pubblicità mirata e ben fatta.

– Non può farlo in prima persona (nella figura del suo imprenditore)
– Deve delegare dei rappresentanti o una società che si presenti per suo conto
– Deve affidare la stesura e la creazione di pubblicità mirata ad una società idonea
– Deve affidarsi ad una società che  molto bene il settore e le strategie di attuazione

 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui