Lavaggio della moquette: meglio la schiuma o il vapore?

0
307

Due sistemi che si sono affermati negli ultimi anni per il lavaggio della tappezzeria sono il lavaggio con schiuma e il lavaggio a vapore. Per entrambi i sistemi utilizziamo macchinari con caratteristiche estetiche molto simili. Entrambi sono costituiti da un fusto per il recupero dello sporco, un fusto per la soluzione acqua detergente, un gruppo pompa che serve ad aspirare il prodotto e iniettarlo, un gruppo di aspirazione composto da uno o più motori di potenza variabile.

A seconda del modello la lavasedili a schiuma rispetto ad un generatore di vapore necessita di un compressore interno o esterno che trasforma la soluzione dallo stato liquido allo stato schiumoso mentre il generatore di vapore presenta al suo interno una caldai, le cui dimensioni possono variare in base al modello.

La schiuma rispetto al vapore permette di lavorare in assoluta tranquillità,  senza il rischio di fare danni  sulla superficie  trattata e può essere utilizzata anche sulla presa dell’aria, pulsantiere, parti in plastica, cromature, senza il rischio di rovinarle. Un altro vantaggio di questo sistema  è  la facilità di apprendimento da parte di operatori inesperti.  Non richiede corsi di apprendimento lunghi ed elaborati.

In fase di preparazione della macchina il compressore, grazie a un flusso costante di aria, permette di rendere la macchina immediatamente operativa dopo la sua accensione, evitando perdite di tempo legate al riscaldamento della stessa. La schiuma ovviamente non può avere la stessa capacità che ha il  vapore nell’eliminare la carica batterica presente dentro l’abitacolo o sul tessuto trattato. Inoltre  i tempi di asciugatura del tessuto trattato sono più lunghi rispetto al sistema a vapore. Per utilizzare al meglio una lava sedili a schiuma abbiamo bisogno di un ottimo detergente che abbia sia la possibilità di generare una schiuma di qualità sia la capacità di sequestrare lo sporco in tempi brevi .

Il vapore rispetto alla lava sedili a schiuma è una macchina non accessibile a tutti ; prima di imparare a utilizzare bene il vapore è importante conoscere con accuratezza il macchinario; non può  essere data in mano a chiunque. Mediamente un generatore di vapore o acqua calda genera temperature che vanno oltre i 100 gradi, quindi i rischi sono elevati sia dal punto di vista dell’incolumità di chi utilizza la macchina, che potrebbe contrarre bruciature, scottature al volto e/o alle mani , sia per le superfici da trattare, in particolar modo se si parla di Alcantara, sedili vellutati, cielo dell’auto, plastiche e guarnizioni.

Il generatore di vapore  rispetto alla lavasedili a schiuma produce una buona sanificazione dell’abitacolo e la quasi totale eliminazione della carica batterica presente sui tessuti da trattare. Inoltre riduce drasticamente i tempi di asciugatura dei tessuti trattati rispetto alla lavasedili a schiuma.

Il generatore di vapore è utilizzabile anche senza il detergente. Non è necessario il detergente  in quanto la capacità del Vapore di sgrassare o eliminare lo sporco organico è maggiore di qualunque soluzione acqua- detergente a freddo. Sarà possibile comunque utilizzare dei classici pulitori per tappezzerie permettendo quindi al lavaggista di scegliere fra un’ampia gamma di prodotti. Ti consigliamo di vedere la sezione “scelta dei detergenti” alla voce lavaggio moquette.

Ad ogni modo, entrambe le macchine danno la possibilità di lavorare anche all’interno di strutture o ambienti dove non è possibile scaricare l’acqua nella fogna. Questo risulta essere molto utile per coloro che vorrebbero avviare un’attività di autolavaggio e non riescono a trovare un locale idoneo . Alcuni lavaggisti utilizzano i due sistemi schiuma e vapore non solo per pulire e igienizzare i tessuti e gli abitacoli ma anche per il lavaggio esterno delle auto.
Entrambe le macchine utilizzano un sistema di aspirazione. In fase di acquisto, sarà importante scegliere una macchina che abbia una buona depressione dell’aria. Nella lavasedili a schiuma avremmo bisogno di un motore più potente e con maggiore depressione in quanto maggiore sarà la quantità di soluzione che andremo ad aspirare nel lavaggio. Con macchine a vapore andrà bene anche un motore da 1500 watt in quanto buona parte del vapore utilizzato nel tessuto evaporerà naturalmente.

Utilizzare una lava sedili a schiuma sarà più scomodo nel periodo invernale dal momento che i tempi di asciugatura sono più lenti rispetto al vapore, mentre sarà più comodo durante il periodo  estivo sia per i tempi di asciugatura più rapidi sia perché l’operatore lavorerà meglio con un prodotto freddo.

Il vapore usato durante il periodo invernale come abbiamo visto, permetterà al tessuto di asciugare immediatamente ma potrebbe risultare fastidioso il suo utilizzo nel periodo estivo a causa delle alte temperature esterne.

La lavamoquette a schiuma, anche nei modelli più economici,  permette di lavorare in non stop mentre i generatori di vapore economici avendo caldaie piccole potranno lavorare per tempi ridotti  e certamente non in continuativo.

Cosa dovremmo chiedere al nostro fornitore prima di acquistare una lavamoquette a schiuma?

1)      Qual’ è la capacità di accumulo del serbatoio dello sporco?

2)      Quando il serbatoio dello sporco è pieno, la macchina prevede un galleggiante di sicurezza che blocchi l’aspirazione?

3)      Come faccio ad accorgermi quando la soluzione acqua detergente è finita?

4)      Che tipo di pompa è montata sulla macchina?

5)      Quante ore posso lavorare con la macchina in condizione di non stop ?

6)      Se nel mio impianto ho un compressore in buono stato, in fase di investimento, posso acquistare una macchina senza compressore e collegarla al mio?

7)      Quale sarà la potenza del motore d’ aspirazione? E quale sarà la sua Depressione?

8)      Chi farà le manutenzioni, possiede un centro assistenza e un magazzino ricambi efficiente e ben fornito? Quanto tempo impiegheranno ad intervenire in caso di guasto?

Cosa dovremmo chiedere al nostro fornitore prima di acquistare una lavamoquette a vapore?

1)      Che dimensioni avrà il fusto di accumulo dello sporco?

2)      Il gruppo caldaia è ben isolato dalla parte elettronica in modo da evitare che la condensa vada a intaccare le parti elettriche e meccaniche?

3)      Che tipo di pompa viene montata sulla macchina?

4)      Per quanto tempo posso lavorare ininterrottamente?

5)      È preferibile utilizzare la macchina solo con acqua o posso miscelare anche un detergente?

6)      L’impugnatura, i tubi e tutte le parti dove passa il vapore sono ben coibentate e sono realizzati con materiali di qualità?

7)      Il Fornitore della macchina a vapore ha a disposizione una buona officina e un magazzino ricambi fornito per garantirmi tempi di intervento rapidi  in caso di guasto?

A questo punto, se volessimo usare un comune termine sportivo e dare il risultato finale di questo match tra le due macchine,  potremmo dire che la schiuma batte 3 a 2 il vapore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here