Lavaggio e trattamento dei sedili in pelle

0
226

Per il lavaggio e trattamento dei sedili in pelle, occorre utilizzare un detergente apposito che non aggredisca la superficie trattata, evitando di rovinarla o farla screpolare specialmente in presenza di pelle di qualità medio bassa.

Dovremo servirci di due panni : Il primo lo si userà per emulsionare lo sporco presente sul sedile in pelle attraverso l’uso di un detergente apposito e il secondo panno per eliminare ciò che è rimasto dal primo passaggio.

È sempre indicato iniziare con il trattamento di una porzione di pelle poco in vista e di piccole dimensioni, in modo da testare il comportamento del tessuto a contatto con il detergente.

Per approfondire l’argomento abbiamo intervistato un’addetto ai lavori: Stefano Chessa titolare del CENTRO DETAILING TOP WASH di Sorso (SS) 

ABBIAMO CHIESTO A STEFANO..

Quale sistema utilizzi per il lavaggio dei sedili in pelle?

Come è ormai noto nel campo del detailing ci sono diverse case produttrici che producono prodotti o addirittura kit che consentono a professionisti o semplici appassionati di ripulire la pelle riportandola all’aspetto originale. Molti pensano, che al contrario del sedile in tessuto,il sedile in pelle non si sporchi, o meglio che per pulirlo basti uno straccetto umido……SBAGLIATO….. è vero che il tessuto nasconde meno lo sporco rispetto alla pelle, questo perché su un tessuto le macchie sono molto visibili, ma credetemi anche la pelle offre chiari segnali di riconoscimento dello sporco, vediamone alcuni:
1 il primo segnale di sporco sulla pelle è una pelle lucida…. la pelle in origine E’ OPACA salvo rari casi…….
2 come sempre spesso succede molte volte una pelle trascurata non solo è sporca e disidrata ma in molti casi perde la pigmentazione (colore)
3 occore sempre, sapere il tipo di pelle su cui si lavora, perchè quella che comunemente chiamiamo pelle puo’ essere:
– anilina (naturale)
– semi anilina
– pigmentata
– nubuck (scamosciato)
– pullup cerato
– by-cast
Esaminado questi tre importanti punti arriveremo al punto di partire in maniera ottimale con la lavorazione; per quanto riguarda la pulizia e l’idratazione della pelle, utiliziamo e consigliamo  il kit CHARME BY MAFRA…… poi,  si sa, noi detailer dobbiamo portare a casa il risultato in ogni caso quindi alcune volte dobbiamo ricorrere alle nostre armi segrete!!!…….
Una volta terminato il processo di pulizia delle parti in pelle, nel caso fosse necessario e con il consenso del proprietario dell’auto, provvediamo prima alla levigatura meccanica/chimica (se necessario occorrerà stuccare eventuali buchi o abrasioni) poi creiamo  il colore con mazzette e tintometro, dopodiché la pelle viene verniciata e  applicato un fissativo che potrà avere percentuale maggiormente opaca o lucida.
Consiglio  di verniciare sempre la pelle con aerografo, per ottenere una migliore copertura della superficie ed  un colore più omogeneo.

C’è differenza di trattamento tra i diversi tipi di pelle?

La mia risposta è si, abbiamo diversi tipi di pelle più’ o meno delicate,  in questo caso occorrerà fare molta attenzione perché con una pelle delicata si potrà rovinare il fissativo o addirittura la pigmentazione.

Abbiamo sentito di lavaggisti che per il lavaggio della pelle utilizzano l’emolliente usato per il prelavaggio della carrozzeria, tu che ne pensi?

Rispondo con una domanda……. su una bella bistecca mettete il sale o lo zucchero?…….per quanto stupida possa sembrare la mia affermazione, il senso è che ogni lavorazione ha un prodotto a se. Dovremmo utilizzare sulla pelle i prodotti per la pelle e sulla carrozzeria i prodotti per la carrozzeria.
La professione del detailer in Italia ormai ha iniziato a prendere piede molto seriamente e velocemente grazie al signor Antonio Pizzi, mente brillante che ha capito in anticipo quale sarebbe stato il futuro sulla cosmesi dell’auto, ovviamente il suo nome per quanto riguarda l’avvento del detailing in Italia va affiancato al mio carissimo amico Marco Mattioli della MAFRA che oltre a tenere il passo con fantastici prodotti, ha da poco saziato la voglia di detailing sfornando i prodotti LABOCOSMETICA,  una linea a dir poco sbalorditiva che ci consente di affrontare qualunque tipo di problema, nonostante tutta questa tecnologia che abbiamo a disposizione , per tornare alla tua domanda dico… è giusto che ci sia in campo gente con scarse conoscenze tecniche e chimiche che continua a fare di tutto con unico prodotto, e in moltissimi casi rovinando addirittura il supporto interessato…….?

Una volta che i sedili sono stati lavati, andrebbero trattati con creme o simili?

Certamente, una volta terminato il processo di pulizia, e verificata una pigmantazione perfetta, i sedili vanno trattati con creme apposite che servono a prevenire durezza del supporto che a lungo andare lo porterebbe alla rottura, come gia detto precedentemente il kit CHARME DI MAFRA è completo di tutto e facile da usare per chiunque….. provare per credere….
Oltre alle creme la tecnologia ha portato anche i sigillanti per pelle che servono a dare quel tocco in più di protezione che non guasta mai.

Ringraziamo per l’intervista Stefano Chessa – www.facebook.com/topwash

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here